Foto ricette dolci: frittelle

FRITTELLE

Le frittelle sono tra i dolci più ricercati nei periodi di festa. Ogni tanto, infatti, vale la pena togliersi lo sfizio di assaporare e gustare tutta la loro morbidezza interna che contrasta con la croccantezza esterna. Dalle forme più svariate e con diverse possibilità di ripieno, le frittelle sollevano il morale di chiunque le assaggi.

Descrizione

La ricetta è molto semplice, gustosa e veloce da realizzare. Esistono diverse versioni di frittelle: alla crema, all’arancia, con l’uvetta, con le mele o altro. Gli ingredienti principali da utilizzare come la farina, il latte, le uova e il burro, sono generalmente sempre disponibili nella nostra dispensa o di facile reperibilità. Queste buonissime e morbide palline croccanti sono facili da preparare e relativamente veloci, in quanto le tempistiche per la preparazione si aggirano intorno ai 40 minuti. Possono essere aromatizzate con della polvere di cannella oppure con delle gocce di cioccolato, per la gioia dei vostri bambini. La ricetta che vi proponiamo è quella classica, ma non abbiate paura a sperimentare nuovi sapori!

Ingredienti per 8 persone

Preparazione

  1. Sbattete le uova con zucchero, limone, latte, sale, rum, farina e lievito con una frusta elettrica
  2. Lasciate riposare il composto per qualche minuto
  3. Fate delle palline e friggetele
  4. Disponetele in un vassoio ricoperto di carta assorbente
  5. Spolverate le frittelle con lo zucchero

Prendete una ciotola molto grande e sbattete 4 uova aiutandovi con la frusta elettrica. Una volta sbattute, aggiungete lo zucchero e continuate a montare sempre con la frusta, fino a quando otterrete un composto di colore chiaro e spumoso. Grattugiate la scorza di un limone e aggiungetela al composto, assieme al latte, un pizzico di sale e un bicchierino di liquore di rum o alchermes. Continuate a mescolare bene e aggiungete un poco alla volta la farina setacciata. Per ultimo versate una bustina di lievito per dolci anch’esso setacciato. Lasciate riposare il composto per qualche minuto. Ora prendete un tegame con i bordi alti e fate scaldare l’olio di semi di arachidi fino a quando non raggiungerà la temperatura di 180 °C. Potete verificare la temperatura tramite un termometro da cucina per fritture. Quando l’olio sarà ben caldo, prendete un po’ di impasto con un cucchiaio e fatelo cadere con delicatezza nell’olio bollente facendo attenzione a non scottarvi. Friggete le palline di pasta rigirandole diverse volte in modo da farle cuocere bene e farle dorare uniformemente. Ora che le frittelle sono cotte, mettetele in un vassoio con della carta assorbente in modo che possano scolare l’olio eccedente. Riponetele su un vassoio da portata, spolverizzate con dello zucchero a velo e servite.

Consumate il dolce preferibilmente appena fatto. Potete comunque conservare le frittelle in un contenitore, preferibilmente in un luogo asciutto e al riparo dalla luce o calore per 3 giorni.

Consigli e curiosità

Durante la preparazione dell’impasto, prestate attenzione ad evitare che si formino dei grumi. Setacciate bene la farina e il lievito prima di aggiungerli agli altri ingredienti. Un impasto fluido e privo di grumi sarà la garanzia per delle soffici frittelle da accompagnare con un buon thè caldo.

Questo dolce, famoso in tutta la penisola viene chiamato con nomi diversi a seconda della regione di riferimento: in Veneto vengono chiamate fritole, in Lombardia tortelli e nel centro Italia sono conosciute con il nome di castagnole. Esistono, inoltre, diverse varianti a seconda delle tradizioni locali. Per esempio in Toscana invece della farina 00 si usa quella di riso. In Abruzzo, Molise e Marche, per la festa del Carnevale si prepara la cicerchiata, frittelle di circa 1 cm di diametro che poi vengono ricoperte con tanto miele e qualche decorazione. Anche in Puglia si prepara qualcosa di simile che prende il nome di purcidduzzi, e in Sicilia a Palermo, pignoccata.

Le frittelle possono deliziare anche i palati di coloro che seguono particolari regimi alimentari o che soffrono di specifiche intolleranze. Per chi segue una dieta vegana, per ottenere un risultato altresì gustoso, basterà sostituire gli ingredienti originali con i seguenti: farina, fecola di patate, zucchero di canna, latte vegetale a scelta, buccia grattugiata di un limone e olio per frittura, lievito per dolci.