Foto ricette light: insalata di polpo

INSALATA DI POLPO

L'insalata di polpo è una ricetta veloce da preparare come antipasto, come secondo di mare oppure come piatto estivo da gustare assieme ad altre sfiziose verdure. La difficoltà di realizzazione di questa ricetta è davvero molto bassa e la sua preparazione avviene in una quindicina di minuti, oltre ai 25 che occorreranno per la cottura.

Descrizione

L'insalata di polpo è uno dei gustosi antipasti tipici della cucina mediterranea ed è sempre molto apprezzata sulle nostre tavole per via della sua inconfondibile freschezza. Condita con limone, prezzemolo e olio, questa insalata è ottima accompagnata da un contorno di patate o olive.

Il segreto della buona riuscita di questo piatto è la giusta cottura e la freschezza del polpo. Ma cosa bisogna guardare per capire se questo mollusco è fresco oppure no? Il colore! Un polpo fresco è caratterizzato infatti da un colore vivace in tutte le sue sfumature. Ed ecco che, dopo la scelta accurata degli ingredienti, potrete procedere alla realizzazione del piatto senza timore che i vostri ospiti siano poco soddisfatti.

Ingredienti per 4 persone

  • Polpo 850 g
  • Aglio 1 spicchio
  • Carote 150 g
  • Sedano 1 costa
  • Alloro 3 foglie
  • Pepe nero 6 grani
  • Sale q.b.

Per condire

  • Prezzemolo 10 g
  • Olio extravergine d'oliva 30 g
  • Limoni 10 g
  • Sale fino 3 g
  • Pepe nero 1 pizzico

Preparazione

  1. Pulite e ammorbidite il polpo battendolo con un martelletto da cucina o un batticarne
  2. Pulite e cuocete le verdure con acqua, alloro, aglio, pepe e sale
  3. Immergete il polpo in acqua bollente per 4-5 volte, fino a quando non si saranno arricciate le punte dei tentacoli
  4. Fate cuocere il polpo per altri 30/35 minuti e poi mettetelo in acqua e ghiaccio: in questo modo si blocca la cottura
  5. Tagliate il polpo a trancetti e conditelo con limone, prezzemolo, sale, pepe e olio

Il primo step per la buona riuscita di questa ricetta è pulire il polpo. Procedete sciacquandolo sotto un getto d’acqua corrente e asciugatelo tamponandolo delicatamente con un canovaccio. Riponete quindi il mollusco su un piano di lavoro - o un tagliere se preferite - ed eliminate la sacca, partendo dagli occhi che andranno eliminati, fino all’estremità. Curatevi di eliminare il becco ed infine di ammorbidire la carne battendola con un pestello.

A questo punto dovrete lavare per la seconda volta, sotto abbondante acqua corrente fredda, il preparato. Dopo questa seconda pulizia, estraete le interiora e le viscere dell’animale. La pulitura deve essere accurata e bisognerà prestare maggiore attenzione quando si dovrà rimuovere la patina che ricopre la testa e i tentacoli dell’animale; probabilmente sarà necessario strofinarli per eliminare completamente le impurità.

Una volta pulito il polpo, potete dedicarvi agli altri ingredienti. Pelate la carota e tagliatela insieme al sedano in pezzi grossolani; unite quindi le verdure in una pentola capiente con l’acqua, sale, pepe, aglio e alcune foglie di alloro. Una volta che l’acqua avrà raggiunto il bollore, immergete i tentacoli del polpo a ripetizione per 4-5 volte: in questo modo si arricceranno e l’impiattamento avrà un’estetica che risulterà davvero più elegante. Per chi desidera una carne più tenera, potete fate lo stesso anche con il corpo del polpo.

A questo punto, potete procedere con la cottura: immergete il polpo nella pentola, ponete il coperchio e lasciatelo cuocere per circa 30 minuti a fuoco lento. I tempi di cottura variano in base alla quantità di carne: 20 minuti di cottura ogni 500 gr. Quando la pentola è sul fuoco, curatevi di eliminare la schiuma che si forma in superficie. Inoltre, prima di toglierlo dal fuoco, è fondamentale che verifichiate lo stato della sua cottura infilzandolo con una forchetta. Una volta ultimato questo processo, scolatelo e mettetelo in un recipiente colmo di ghiaccio per far sì che non si cuocia ulteriormente.

Ponetelo quindi su un tagliere, separate la testa dai tentacoli, poi tranciatelo in due parti per il lungo e affettate in piccoli pezzi. In una ciotola spargete il succo di un limone e il prezzemolo tritato sulla carne. Procedete infine con il condimento: olio, sale, pepe e mescolate il tutto. Servite la vostra insalata di polpo in un piatto da portata guarnendola con alcune fettine di limone; il successo è garantito.

Consigli e curiosità

L'insalata di polpo viene impiattata in un piatto fondo o all'interno di una ciotola. Il pesce dovrà essere freschissimo, quindi è bene saperlo riconoscere (come abbiamo detto all’inizio). Innanzitutto è utile sapere che sono 6 le specie di polpo in commercio sul mercato italiano.

Se osservate delle macchie particolari, che siano simili a tatuaggi sulla testa o sul mantello non si tratta di Octopus vulgaris. Ricordatevi inoltre che tutte le specie di polpo devono avere 2 file di ventose a differenza del moscardino che ne ha una sola sui suoi otto tentacoli. Proprio per il numero di questi ultimi, sia il polpo che il moscardino, sono detti ottopodi.

Il consiglio in più

Per quanto riguarda la pulizia del pesce, potrete eliminare la pelle con il coltello anche dopo la sua cottura. Se metterete il polpo cotto sotto un filo d'acqua corrente, la pelle scivolerà via velocemente e senza troppa resistenza. Anticamente i pescatori sbattevano i polpi pescati più volte sulle rocce o a terra per distendere la nervatura dei tentacoli e rendere le loro carni più tenere; oggi questa pratica viene sostituita da appositi macchinari. La tecnica casalinga per rendere più morbide le carni del polpo consiste nel batterlo con il batticarne per almeno 10 minuti. Altre ricette a base di polpo sono l'insalata tiepida di polpo e patate o il carpaccio di polpo.