Foto ricette primi piatti: lasagne al pesto

LASAGNE AL PESTO

Siete alla ricerca di una valida alternativa, magari vegetariana, che rispetti i sapori della tradizione culinaria italiana, alle solite lasagne “rosse” al ragù? Vi suggeriamo le lasagne al pesto verde alla genovese. È un piatto che soddisferà il palato degli amanti della pasta fresca all’uovo e che vi avvicinerà ai sapori della tradizione ligure.

Descrizione

Le lasagne al pesto sono una variante leggera e sfiziosa alla ricetta più tradizionale che vi permetterà di accontentare i palati anche più esigenti. La preparazione richiede 40 minuti, oltre al tempo di riposo della pasta e a quello di cottura in forno. Uno dei vantaggi indiscussi della preparazione della ricetta risiede proprio nella possibilità di poter preparare gli ingredienti per tempo: infatti potrete realizzare sia la pasta che il pesto il giorno precedente.

Ingredienti per 6 persone

Per la pasta fresca:

  • Farina 00 200 g
  • Uova (2 medie) 120 g

Per il pesto alla genovese:

  • Aglio ½ spicchio
  • Sale grosso due pizzichi
  • Olio extra vergine d'oliva 200 g
  • Basilico 100 g
  • Pecorino grattuggiato 60 g
  • Parmigiano Reggiano grattugiato 140 g
  • Pinoli 30 g

Per la salsa besciamella:

  • Burro 100 g
  • Sale fino q.b.
  • Noce moscata q.b.
  • Farina 00 100 g
  • Latte intero 1 l

Per il condimento:

  • Parmigiano Reggiano da grattugiare 80 g

Preparazione

  1. Pestate il mezzo spicchio d'aglio con un po'di sale
  2. 2. Unite le foglie di basilico, precedentemente pulite (non lavate), i pinoli e il formaggio grattugiato
  3. 3. Aggiungete l’olio EVO a filo, poco alla volta

Per la pasta fresca

  1. 4. Sbattete le vostre uova
  2. Versate in una ciotola la farina setacciata
  3. Incorporate la farina un po’ per volta
  4. Lavorate l'impasto
  5. Formate un panetto, lasciatelo riposare per 30 minuti

Mentre la pasta starà riposando, preparate la besciamella

  1. Dividete la pasta in due porzioni
  2. Tirate la pasta fino ad ottenere fogli di spessore di 2mm
  3. Formate 22 rettangoli da 10x15 e infarinateli
  4. Sbollentate appena i rettangoli di pasta, oliateli leggermente
  5. Ripete il procedimento con il secondo panetto
  6. Stendete uno strato di sfoglie e ricoprite con pesto e besciamella
  7. Riscaldate il forno a 180°, infornate per 15 minuti

Iniziate preparando il pesto alla genovese: pulite le foglie di basilico con un panno e pestate l'aglio sbucciato con un pizzico di sale grosso in un mortaio. Unite poi gli ingredienti e schiacciateli ruotando il pestello in un verso e il mortaio in senso opposto, aggiungendo un pizzico di sale grosso; lavorate fino ad ottenere un composto cremoso. Unite ora i pinoli ed il Parmigiano, il pecorino grattugiato e, continuando la lavorazione, aggiungete olio a filo fino ad ottenere una salsa omogenea.

Per la pasta fresca sbattete le due uova in una boule unitevi la farina setacciata (in questo modo eviterete che si creino grumi nella preparazione). Impastate il tutto per almeno una decina di minuti, fino a ottenere un composto morbido ed omogeneo. Formate ora un panetto, avvolgetelo con pellicola trasparente e lasciatelo riposare in un luogo fresco e asciutto per circa 30 minuti.

Nella mezz'ora in cui lascerete la pasta riposare, pensate alla besciamella. Fate scaldare il latte intero e, in un altro tegamino, fate sciogliere il burro a fuoco basso. A fuoco spento aggiungete la farina setacciata poco alla volta, mescolando con una frusta, in modo che la besciamella non faccia grumi.< /p>Riaccendete il fuoco e mescolate fino a quando il composto non sarà dorato. Aggiungete il latte, un po’ di noce moscata ed il sale e mescolate energicamente il tutto con la frusta. Continuate la cottura per 5-6 minuti a fuoco dolce mescolando, finché la inizierà a bollire. Mettete da parte la besciamella e fatela raffreddare.

Adesso tornate alla pasta fresca. Prendete il panetto e aggiungete un po’ di farina per poterlo maneggiare. Dividetelo in 2 porzioni, avvolgendo quella che non utilizzate nella pellicola. Dovrete ricavare, stendendo la pasta con il mattarello oppure utilizzando una macchina per pasta fresca, un foglio di pasta di circa 2 mm. Se usate il mattarello probabilmente la pasta sarà più spessa e ruvida, assorbendo maggiormente il sugo. Tagliate 22 rettangoli della grandezza di 10x15 cm. Posizionate ora le sfoglie su un vassoio leggermente infarinate, in modo da non farle attaccare.

Adesso fate bollire dell’acqua poco salata e sbollentate i rettangoli di pasta. Scolateli e posizionateli su un vassoio leggermente unto d’olio. Quando tutta la pasta sarà cotta, prendete una pirofila da 30x20 cm, ungetela leggermente e iniziate a comporre la vostra lasagna verde. Alternate uno strato di besciamella e poi uno di pesto, posizionate sopra 3 sfoglie di pasta, poi ricoprite con altra besciamella e pesto. Aggiungete il formaggio grattugiato e proseguite con la composizione degli strati fino a che i vostri ingredienti non saranno terminati (se avete seguito le istruzioni sulla grandezza di pasta e pirofila, dovreste ottenere 6 strati di pasta da 3 sfoglie ciascuno). Nell’ultimo strato ponete 4 sfoglie di pasta, disposte orizzontalmente, e ricoprite con pesto e besciamella e una spolverata di formaggio grattugiato.

Per la cottura delle lasagne preriscaldate il forno (modalità statica) a 180° e cuocete le lasagne per 15 minuti. Per gli ultimi 5 minuti attivate la modalità grill, se volete dare un po’ di croccantezza al vostro piatto. Se invece volete che la lasagna verde rimanga morbida, terminate la cottura senza il grill. Le vostre lasagne sono pronte. Fatele intiepidire e servitele.

Consigli e curiosità

Potrete conservare le lasagne al pesto, coperte con la pellicola, al massimo per un paio di giorni in frigorifero, e poi scaldarle in forno per mangiarle nuovamente. In alternativa al pesto genovese potete utilizzare delle salse come il pesto di zucchine o il pesto di rucola. Aggiungendo del formaggio tra gli strati di pasta, mozzarella o scamorza, potrete ottenere un maggiore effetto filante.