Foto ricette veloci da preparare: muffin salato

MUFFIN SALATO

Il Muffin lo si conosce originariamente per essere un soffice dolcetto made in Regno Unito ed ormai, grazie anche ai social network, la "muffin mania" è esplosa anche in Italia. Al cioccolato, ai mirtilli, ai semi di papavero, all'aroma di limone, questi sono solo alcuni dei mille gusti con cui potreste apprezzarli nella veste di dessert. Solo dolci? Certamente sì, ma esiste anche la versione salata. Il muffin salato sembra essere sempre più presente tra gli antipasti di cene, aperitivi, o banchetti di vario genere. Vi starete chiedendo se sia difficile realizzare questi sfiziosi antipasti con le vostre mani perciò, proviamo a scoprirlo insieme!

Descrizione

Quando vi trovate davanti alla preparazione del muffin salato (ma anche della sua versione più zuccherosa) dovete considerare di quale dimensione volete far diventare i vostri muffin e con cosa volete guarnirli, prima di considerare le quantità a persona. La cosa più saggia da fare in questo caso, è quello di badare alle dosi per pezzo realizzato e non per persona.
Vi proponiamo due varianti, ricotta e zucchine e ricotta e speck. In entrambe le versioni della ricetta, costo e livello di difficoltà nella realizzazione sono piuttosto bassi.

Ingredienti per 12 pezzi

  • Farina 00 200 g
  • Latte intero 100 ml
  • Lievito istantaneo per preparazioni salate 10 g
  • Olio extra vergine d'oliva
  • Parmigiano Reggiano da grattugiare 80 g
  • Ricotta vaccina 80 g
  • Pomodorini ciliegino 12
  • Sale e pepe nero q.b.
  • Olio di semi di girasole 100 ml
  • Zucchine 400 g
  • Uova 3

Preparazione

  1. Tagliate le zucchine a cubetti
  2. Fatele cuocere a fuoco basso
  3. Sbattete le uova, aggiungete il latte, un goccio d'olio
  4. Setacciate farina, ricotta e lievito e mescolate tutto
  5. Spolverate con parmigiano e pepe
  6. Mettete l'impasto in una sac à poche
  7. Avvolgete le formine con carta da forno
  8. Tagliate le zucchine sottili e avvolgete le formine
  9. Versate l'impasto e le zucchine a cubetti
  10. Fate scaldare il forno a 180°
  11. Infornate per 30 minuti

Cominciando dalla preparazione del muffin salato alle zucchine, diciamo subito che dovrete tagliare a cubetti le zucchine (dopo avere lavate accuratamente). Mettetele quindi in una padella antiaderente con un filo d'olio, a cuocere a fuoco basso.
Adesso, pensate all'impasto dei muffin (valido per tutte le varianti che avete in mente): sbattete le uova ed il latte con una frusta da cucina, aggiungendo un po' di olio fino ad ottenere un liquido più o meno omogeneo. Adesso setacciate farina, ricotta e lievito, per poi mescolare tutti gli elementi. Il tutto poi si completa con una spolverata di parmigiano e un pizzico di pepe. Trasferite poi l'impasto, in una Sac à poche.

Ora, prendete una teglia con gli appositi stampini per muffin e apponete le piccole carte protettive e decorative, sul fondo dell'apposito spazio. Ora, tagliate altre zucchine in fettine ultra sottili con cui avvolgerete la parte interna della carta decorativa di ogni muffin salato.
Aggiungete quindi l'impasto e le zucchine tagliate a cubetti per apporre poi sul finale, un pomodorino al centro del muffin. Avendo preriscaldato il forno, mantenetelo a 180° e fate cuocere i muffin per circa mezz'ora.
Per quanto riguarda la variante con lo speck, cominciate direttamente con l'impasto del muffin salato e poi aggiungete l'erba cipollina prima degli agenti lievitanti. Al posto delle carte decorative da inserire nei fori della teglia, utilizzate le fette di speck visto che, grazie alla cottura, si induriranno quel tanto per dare croccantezza e sapidità al muffin.

Consigli e curiosità

L'opzione migliore per conservare entrambe le varianti è quella di metterli in un contenitore ermetico e congelare.
Le prime versioni del muffin salato o dolce che sia, non possono di certo vantare nobili natali (così come tutte le ricette di successo). Sì, perché nell'Inghilterra del Settecento i fornai a servizio delle più ricche famiglie, per non buttare gli avanzi dei propri impasti e sfamare la servitù, assemblavano questi panetti i quali, una volta cotti, risultavano croccanti e nutrienti.
Dalle dimensioni variabili a seconda delle esigenze, i muffin sono diventati un prodotto culinario sicuramente pop e, data la sua produzione di massa, non è restio ai conservanti i quali, determinano la sua consumazione entro pochissimi giorni dal momento in cui sono stati sfornati.