Pentola a pressione: efficiente e versatile

PENTOLA A PRESSIONE

La pentola a pressione è un utensile da cucina che, grazie alla chiusura ermetica, permette di diminuire notevolmente i tempi di cottura dei cibi, senza compromettere né il loro sapore né le proprietà nutrizionali.

Cucinare non sarà mai stato più facile: potrete infatti preparare piatti sani, gustosi e dal modesto apporto calorico portando in tavola il sapore genuino degli ingredienti senza sprechi.

Le prime testimonianze dell'utilizzo della pentola a pressione risalgono all'Antico Egitto. Tuttavia, in epoca moderna, la sua riscoperta è attribuita al fisico francese Denis Papin che le diede il nome di "digesteur": un appellativo decisamente azzeccato, dal momento che la pentola a pressione permette di preparare cibi leggeri, ma non particolarmente fortunato in quanto il brevetto venne dimenticato.

Solamente nel Dopoguerra, prima grazie a una ditta francese e poi a una tedesca, il progetto è stato rivisto e perfezionato come lo conoscete oggi.

La caratteristica della pentola a pressione, risiede nella chiusura ermetica del coperchio. In questo modo, il vapore prodotto durante la cottura degli alimenti rimane rinchiuso all'interno del recipiente: questo comporta l'aumento della temperatura e, di conseguenza, una sensibile riduzione dei tempi di cottura.

I modelli di pentola a pressione in commercio sono diversi, soprattutto per dimensioni. A prescindere dalla capienza che sceglierete, prima di avviare la cottura di un alimento, dovrete porre attenzione ad utilizzare una pentola a pressione delle dimensioni idonee alle porzioni che state preparando. Esistono principalmente due formati:

  • da 3 a 5 litri sono adatte a un massimo di 2 persone
  • da 8 a 12 litri sono adatte ad almeno 3 persone, oppure nel caso desideriate preparare un piatto e conservarne una porzione per il giorno successivo

Ogni pentola a pressione dispone comunque di un libretto di istruzioni in cui la marca produttrice indica i tempi di cottura ideali, e soprattutto, la manutenzione consigliata per le valvole.

Come funziona la pentola a pressione?

Il funzionamento della pentola a pressione è regolato da due valvole che si trovano sul manico del coperchio ermetico: la prima è denominata valvola di esercizio, mentre la seconda valvola di servizio. Infatti, quando la temperatura all'interno della pentola a pressione raggiunge gradazioni eccessivamente elevate, la valvola di servizio si alza, facendo uscire gradualmente il vapore compresso.

Molti non utilizzano la pentola a pressione poiché temono che possa esplodere: si tratta di una paura infondata, dal momento che questi oggetti sono sottoposti ad una rigida regolamentazione europea. Controllate quindi che sulla pentola a pressione sia indicata la sigla UNI EN 12778 che vi garantirà la sicurezza del prodotto.

Nelle pentole normali l'acqua, non appena raggiunge l'ebollizione a 100°, comincia ad evaporare progressivamente, passando dallo stato liquido a quello gassoso. Durante tutto il processo, non ci sono condizioni per le quali la temperatura possa variare… tranne nel caso della pentola a pressione. Grazie al suo utilizzo è possibile, bloccando la fuoriuscita del vapore acqueo, raggiungere la temperatura di 120° e diminuire di conseguenza i tempi di cottura.

Vantaggi della pentola a pressione

Possedere una pentola a pressione vi permetterà di disporre di un valido alleato in cucina per una serie di ragioni:

  • risparmio energetico: la pentola a pressione vi permetterà di ridurre drasticamente i costi energetici, soprattutto del gas, dal momento che i vostri piatti cuoceranno in meno tempo
  • risparmio di tempo: grazie all'alta temperatura all'interno della pentola garantita dalle valvole, impiegherete meno tempo per cuocere i vostri alimenti preferiti. Inoltre, rispetto alle normali preparazioni, non dovrete preoccuparvi di girare il preparato per rendere la cottura uniforme, dato che i gradi all'interno del contenitore sono costanti. Dovrete solamente porre attenzione alla quantità di acqua che utilizzate ad inizio cottura
  • efficienza in tutti gli ambienti: la pentola a pressione si adatta perfettamente anche alle condizioni in cui la pressione ambientale non è standard, come ad esempio, in montagna ad alta quota
  • versatilità nella preparazione: potrete cucinare una vasta gamma di piatti, infatti la pentola a pressione vi consentirà di realizzare preparazioni diversificate: in umido, al vapore o a cottura prolungata come nel caso delle marmellate

Come usare la pentola a pressione

Utilizzare la pentola a pressione è facile e, una volta che avrete acquisito dimestichezza con lo strumento, ottimizzerete processi e spazi. Infatti, acquistando una sola pentola, potrete sostituirne altre con prestazioni inferiori e - magari - costi superiori.

La versatilità delle ricette che potrete preparare con la pentola a pressione non ha praticamente limiti: l'unica accortezza è la quantità di liquido con cui dovrete riempire la pentola prima di avviare la cottura.

La quantità di acqua (oppure brodo o vino) varia a seconda dell'alimento che volete cuocere, ma, in linea di massima è opportuno seguire due regole:

  1. non riempire mai oltre la tacca che si trova all'interno della pentola: questa infatti indica la capienza massima
  2. è sufficiente aggiungere una quantità di acqua sufficiente a coprire gli alimenti che desiderate cucinare

Una volta che avrete riempito con la giusta quantità la pentola e, avrete immerso l'alimento che desiderate cucinare, sigillatelo con il coperchio (seguendo le istruzioni per agganciarlo correttamente), abbassate la maniglia e assicuratevi che la chiusura sia avvenuta in maniera corretta.

A questo punto, mettete la pentola sul fuoco a fiamma medio alta: dopo pochi minuti la valvola di servizio emetterà un fischio e il vapore comincerà ad uscire gradualmente. Abbassate fino a cottura ultimata, quando dovrete sfiatare anche la valvola di sicurezza. Solamente quando tutto il vapore sarà uscito, potrete aprire il coperchio della pentola a pressione.

Le ricette che si possono preparare con la pentola a pressione

La pentola a pressione può essere una preziosa alleata nella preparazione degli gnocchi di patate che risulteranno così morbidi e si amalgameranno al meglio con il sugo che avete scelto. Cominciate la preparazione della ricetta riempiendo la pentola a pressione con le patate tagliate a cubetti senza privarle della buccia, infine riempite con acqua fino a tre quarti. Fate cuocere per circa 15 minuti. A cottura ultimata, fate sfiatare la pentola a pressione e lasciate riposare fino a quando non saranno tiepide e pronte per costituire il principale alimento della vostra preparazione. Scoprite tutta la ricetta sul sito di ALDI.

Un'alternativa autunnale a questa ricetta sono gli gnocchi di zucca: riempite la pentola a pressione con l'ortaggio tagliato a cubetti, privato della buccia e dei semini. Coprite con acqua e lasciate cuocere per 5 minuti al massimo: allo scadere del tempo, togliete dal fuoco il preparato e lasciate intiepidire prima di procedere con l'impasto. Leggete l'intero passaggio della ricetta sul sito di ALDI.

Infine, un vero e proprio must have delle ricette con la pentola a pressione, sono le lenticchie in umido: rispetto alla ricetta tradizionale, dimezzerete letteralmente i tempi di cottura. Infatti, escludendo la fase di ammollo delle lenticchie, la cottura durerà al massimo 10 minuti.