ESTRATTORE O CENTRIFUGA: QUALI SONO LE DIFFERENZE

Frullatori, estrattori o centrifughe sono gli elettrodomestici più amati del 2018: grazie alle loro numerose funzioni sono in grado di accompagnarvi in percorsi dimagranti o di fornirvi bevande sfiziose. I succhi prodotti sono preziosi alleati non solo di chi si sottopone a diete ipocaloriche, ma anche di coloro che tengono alla propria forma fisica.

Cos'è l'estrattore?

L'estrattore è un elettrodomestico in grado di separare il succo dalla parte fibrosa che compone sia frutta che verdura. Per farlo è dotato di una lama (chiamata coclea) verticale o orizzontale che prima "mastica" gli ingredienti senza spezzarli e poi ne spreme il succo che esce da un'apposita bocchetta, mentre le sostanze di scarto secche (costituite da buccia, semi e altre componenti fibrose contenute nel frutto) da un'altra.

Le ragioni che possono spingere all'acquisto di un estrattore di succo sono numerose:

  • digeribilità: l'organismo è in grado di assimilare molto più facilmente sostanze liquide rispetto alle solide. In media infatti la digestione di un alimento solido e con un alto contenuto di fibre dura fino a 3 ore, mentre quella di un liquido intorno ai 15 minuti
  • amato anche dai più piccoli: potrete coinvolgere i bambini non solo nella preparazione della bevanda, ma anche nel suo consumo. Questi infatti adorano i composti liquidi, anche degli alimenti che amano meno, come ad esempio le verdure
  • meno scarti: l'estrattore di succo ti consente di sprecare una quantità inferiore di frutta (di circa il 20%)
  • estrazione a freddo: l'elica si muove in media a meno di 100 giri, producendo una quantità inferiore di calore rispetto a centrifuga e frullatore. Questo dato influisce in maniera consistente nel risultato complessivo del composto: infatti minore è la temperatura, inferiori sono le possibilità che il cibo si ossidi. In sostanza, l'estrazione a freddo consente il mantenimento delle proprietà nutrizionali e vitaminiche

Un aspetto da prendere in considerazione quando si utilizza l'estrattore è la pulizia e la sua manutenzione: è di vitale importanza che, dopo aver gustato un bicchiere di estratto di frutta, l'elettrodomestico sia deterso nella maniera più precisa possibile.

I singoli componenti possono essere lavati direttamente in lavastoviglie (anche se è consigliabile effettuare un risciacquo preliminare), ad eccezione del filtro che deve essere trattato con un occhio di riguardo. Potrai infatti servirti di un apposito spazzolino (di solito presente nella confezione di acquisto) che, passando attraverso le maglie, riuscirà ad eliminare tutti i residui.

Ricette per estrattore

State cercando una bevanda fresca che vi permette di dissetarvi, mantenendo un modesto apporto calorico? La risposta è racchiusa nell'estratto di anguria e cetriolo. Entrambi gli alimenti, che raggiungono la piena maturazione nei mesi centrali dell'anno, devono essere freschi affinché se ne possano esaltare le proprietà organolettiche.

Per preparare la ricetta dovrete solamente procurarvi:

  • Cetrioli 2
  • Anguria (o cocomero) 300 g
  • Sedano 1
  • Lime ½

Prima di tutto eliminate la buccia del cetriolo, pulite il sedano e ottenete dall'anguria unicamente la polpa rosea, avendo cura di eliminare quanti più semi possibili. Successivamente unite tutti gli ingredienti e aggiungete il succo di ½ lime: azionate l'elettrodomestico e in pochi minuti otterrete la bevanda desiderata.

Se la vostra finalità non è rinfrescarvi, ma ottenere un pasto che vi sazi anche quando siete fuori casa, potrete preparare un estratto di spinaci, carote e sedano. Per realizzarlo dovrete procurarvi i seguenti alimenti, assicurandovi che la provenienza sia biologica:

  • Spinaci 250 g
  • Sedano 125 g
  • Carote 240 g
  • Limone ½

Una volta che avrete sciacquato accuratamente sotto abbondante acqua corrente gli spinaci, pelato le carote e privato il sedano degli strati più esterni, potrete unirli nell'estrattore insieme al succo di agrume.

Cos'è la centrifuga?

La centrifuga è un elettrodomestico che viene utilizzato in cucina per preparare gustosi succhi di frutta e verdura per i quali non è possibile fare ricorso allo spremiagrumi. Il meccanismo che si trova alla base di questo prodotto è la velocità con la quale una lama si muove e lavora gli alimenti, consentendo la separazione della parte solida da quella liquida.

  • Qualità del succo: l'estrattore produce un nettare più concentrato che, grazie all'estrazione a freddo, garantisce la conservazione delle proprietà nutrizionali della frutta e della verdura
  • Quantità degli scarti: la centrifuga genera il 20% di residui in più. Inoltre la composizione è più umida a causa della presenza di un filtro che non è in grado di eliminare completamente la componente liquida
  • Tipologia di alimenti: esistono alcuni cibi - tra cui le erbe e le verdure a foglia - che non possono essere trattate nella centrifuga. Al contrario si adattano all'estrattore dal momento che la coclea può spremerne il contenuto, eliminando in maniera cospicua la parte liquida senza comprometterne l'apporto nutritivo. Attenzione anche a tutta la frutta con una modesta componente acquosa come, ad esempio la banana

Ricette per la centrifuga

Le ricette che possono essere realizzate con l'aiuto di una centrifuga solo numerose e, si può dire, che l'unico limite sia la fantasia. L'unica accortezza che dovete mettere in atto è nella scelta degli alimenti che dovranno avere un'alta componente acquosa, evitando le verdure a foglia come spinaci e rucola.

Una prima idea creativa coinvolge la frutta tipica del periodo estivo: fragole, melone e pesca. Per preparare la centrifuga di questi alimenti vi occorreranno:

  • Fragole 100 g
  • Melone 100 g
  • Pesche 100 g

Una volta che avrete privato le pesche del nocciolo e le fragole del picciolo potrete lavare la frutta sotto acqua corrente. A questo punto procedete alla pulizia del melone: tagliatelo in due, eliminate i semi centrali e suddividetelo in spicchi privandolo della buccia. Tagliate a cubetti prima di aggiungerlo al resto della frutta nella centrifuga.

In alternativa potrete preparare un succo depurativo di mela e zenzero. Le quantità in questo caso sono soggettive a seconda di quanto amate il sapore della radice, ma la preparazione è la medesima della precedente ricetta.