Cambio d'Ordine Cambiamento Completo

Aggiunto al Carrello
L’orto sul balcone

L’orto sul balcone

Realizzare un orto sul balcone del proprio appartamento può essere un ottimo modo per avere, anche in città, frutta e verdura a km 0 che, rispetto ai prodotti del supermercato, sono non solo molto più genuini, ma anche ricchi di fibre. A prima vista, creare un orto in terrazzo potrebbe sembrare un’impresa adatta solo a chi ha il pollice verde, ma con il giusto kit di attrezzi e alcune utili accortezze sarete in grado di ricreare un perfetto angolo verde in città.

Come fare l’orto sul terrazzo

Il primo passo per realizzare un orto sul terrazzo di casa consiste nella scelta del giusto balcone: laddove sia possibile, è consigliabile individuare quello maggiormente esposto alla luce solare, in maniera da garantire alle giovani piante tutto il nutrimento di cui hanno bisogno per realizzare la fotosintesi e svilupparsi. Tuttavia, in caso aveste a disposizione solo aree ombreggiate, potete comunque creare un angolo verde optando per piante quali la lattuga, la menta e l’origano, che crescono rigogliose soprattutto in assenza di luce solare diretta.

Una volta scelto il punto nel quale realizzare il vostro orto in terrazzo, non vi resta che procedere alla semina all’interno di una fioriera alta e larga: alle piante è infatti necessario un ampio spazio vitale per crescere e svilupparsi in tutta la propria interezza. Per questa stessa ragione, è fondamentale che - nella fase di semina - vi ricordiate di distanziare in modo appropriato i germogli, lasciando tra uno e l’altro almeno 3 cm se si tratta di carote, 25 cm se si tratta di lattughe e 40 cm se si tratta di piante di pomodori.

Piantati semi o germogli dei vostri ortaggi preferiti, non vi resta che armarvi di pazienza e attendere che la pianta cresca, ricordandovi di annaffiarla più frequentemente nelle stagioni estive, quando il clima è più arido e il sole scalda con maggiore intensità. Se il vostro orto sul balcone è particolarmente esposto alla luce solare, proteggete i delicati germogli appena spuntati con appositi teli per giardinaggio e vedrete che, nel giro di qualche settimana, sarete in grado di portare in tavola i frutti del vostro duro lavoro.

Piante da balcone

Un aspetto di fondamentale importanza nella creazione di un orto in terrazzo riguarda la scelta delle piante, che deve essere ben ponderata per evitare inutili sprechi di tempo e energie. Ogni ortaggio ha infatti bisogno di peculiari condizioni ambientali per crescere: ecco quindi che il consiglio più utile in questa fase è di basarsi su un calendario della semina in maniera da sapere preventivamente a quali coltivazioni dedicarsi in uno specifico periodo dell’anno.

Nonostante nel caso degli orti in terrazzo, le possibilità possano apparire ancora limitate a causa del ridotto spazio a disposizione e delle - non sempre ideali - condizioni di luce, eppure esistono piante particolarmente adatte a crescere in questo tipo di habitat: vediamo quali:

  • Lattuga: questo tipo di ortaggio è molto semplice da curare e, per questo, è perfetto per chi vuole realizzare un orto sul balcone di casa, ma è ancora alle prime armi. Infatti, la lattuga può essere seminata in un periodo che va da febbraio a settembre, non ha bisogno di molta terra e non deve essere annaffiata frequentemente. Per la semina, è sufficiente creare dei solchi nel terriccio aiutandovi con un rastrello e spargervi dentro i semi. Nel giro di 30-40 giorni dovreste essere in grado di gustare un ottimo cespo di lattuga coltivata con le vostre mani;
  • Fragola: oltre a donare frutti dal sapore fresco e sfizioso, questo tipo di pianta è perfetta per gli orti in terrazzo, in quanto i suoi piccoli fiori bianchi e gialli donano un piacevole tocco di colore. Particolarmente adatta a crescere in un terreno sabbioso e ricco di sostanze organiche, la fragola deve essere trapiantata in primavera perchè necessita di molte ore di luce al giorno. Raccogliete i frutti non appena li vedete assumere un colore rosso intenso, in genere circa 30 giorni dopo il rinvaso;
  • Pomodoro: frutto principe di ogni orto in terrazzo, il pomodoro si presta ad essere trapiantato nel mese di maggio poiché ha bisogno di molta luce e calore per crescere. Per quanto riguarda l’irrigazione, il consiglio è di innaffiare la pianta circa 2 volte a settimana, facendo attenzione a non bagnare le foglie scongiurando l’insorgere di malattie fungine. Infine, è di primaria importanza la scelta di una varietà di pomodoro che si mantenga al di sotto dei 60 cm di altezza, per evitare che la pianta cresca troppo e lo spazio ristretto del vostro balcone di casa si riveli insufficiente. Raccogliete il pomodoro quando la sua buccia inizierà a passare dal verde al rosso, dopo un periodo di tempo che va dai 60 ai 90 giorni a seconda della varietà;
  • Erbe aromatiche: se non avete a disposizione uno spazio particolarmente esteso, un’ottima alternativa ad un orto tradizione potrebbe essere quella di creare un giardino verticale con erbe aromatiche quali il rosmarino, l’origano e il basilico. Queste varietà si adattano ad essere piantate nel periodo tra marzo e aprile e sono perfette non soltanto per insaporire i vostri piatti, ma anche per dare donare un ottimo profumo al vostro orto in terrazzo.

La scelta delle piante da inserire nel vostro orto in terrazzo dovrà quindi dipendere in parte dai vostri gusti personali, in parte dalle condizioni di luce e spazio che potrete offrire alle vostre piantine perchè crescano e si sviluppino pienamente.

Orto sul balcone: il kit

Per realizzare il perfetto orto sul balcone è sufficiente fare un po’ di pratica e avere a disposizione un kit di materiali e attrezzi da giardinaggio costituito da:

  • Terriccio: elemento di primaria importanza per la crescita delle piantine, il terriccio può essere acquistato in una varietà già arricchita di sostanze nutritive, oppure si può optare per una versione fai-da-te fertilizzando la terra con concimi naturali come la cenere o i fondi di caffè;
  • Argilla espansa: questo materiale è davvero imprescindibile nella realizzazione di un orto in terrazzo; infatti non soltanto aiuta il terreno a mantenersi umido, ma al contempo allontana anche il rischio di pericolosi ristagni d’acqua che potrebbero far marcire le radici. Per sfruttare al meglio questi vantaggi, il consiglio è di creare un sottile strato di argilla alla base del vaso e coprirlo con dell’apposito tessuto da giardinaggio prima di procedere a creare lo strato di terriccio;
  • Ghiaia: ottima alternativa all’argilla espansa, anche la ghiaia serve a garantire alle piante il drenaggio dell’acqua in eccesso. Usata pura o mischiata a sabbia o cocci frantumati, questo materiale deve costituire uno spessore di circa 1-3 cm alla base del vaso.

Oltre a questi materiali - necessari a creare delle buone condizioni di base per il terreno di semina - un kit per il perfetto orto sul balcone non può mancare di questi attrezzi:

  • Vasi e fioriere: la fioriera giusta per la messa a dimora di piante e ortaggi deve essere alta almeno 50 cm, affinché le radici delle piantine possano crescere e svilupparsi correttamente. Inoltre, altra condizione imprescindibile, è che il vaso sia dotato di fori sul fondo, in modo da permettere il drenaggio dell’acqua;
  • Annaffiatoio: si tratta di uno strumento molto utile per innaffiare con più facilità i vostri germogli, che - soprattutto nelle prime fasi della crescita - devono essere irrigati con costanza e regolarità;
  • Paletta: questo tipo di attrezzo è utile per spostare medio-piccole quantità di terra, smuovere il terriccio per favorire il ricircolo dell’aria ed infine per trapiantare gli ortaggi una volta giunti a maturazione;
  • Rastrello: utile per livellare il terriccio all’interno della fioriera e per disporre i semi entro a solchi regolari;
  • Guanti da giardinaggio: spesso considerati secondari in un kit per orto in terrazzo, i guanti sono in realtà fondamentali per la corretta protezione delle mani, soprattutto se prevedete di dedicare al giardinaggio molte ore della vostra settimana.

Appare quindi evidente che creare un angolo di verde in piena città non sia un’impresa impossibile una volta che si hanno a propria disposizione tutti i consigli per la scelta delle piante e gli attrezzi più utili al giardinaggio.