Foto ricette secondi piatti: arrosto di vitello

RICETTA PER UN TENERO ARROSTO DI VITELLO AL FORNO CON PATATE

L'arrosto di vitello è uno dei secondi tipici che allieta i pranzi domenicali delle famiglie italiane. A differenza del manzo, ottimo se cotto al sangue, il vitello preferisce una cottura costante e lunga con un aumento di gradi verso la fine della preparazione per permettere alla carne di dorarsi in superficie, mantenendo un cuore morbido.

Descrizione

Immaginare un arrosto di vitello che cuoce in forno mantenendo la sua tenerezza, contornato da tantissime patate rosolate per bene e condite a puntino… non vi viene già l'acquolina in bocca?
La preparazione di questa ricetta non è difficilissima. In primis, occorre prestare massima attenzione alla cottura al fine di non rendere la carne stopposa e poco saporita. Il segreto è scegliere una carne di qualità, dal colore roseo e fresca.

Ingredienti per 4 persone

  • Sottofesa di vitello 600 g
  • Patate 1 kg
  • Vino bianco 50 g
  • Olio extra vergine d'oliva 40 g
  • Rosmarino 2 rametti
  • Aglio 2 spicchi
  • Sale e pepe q.b.

Preparazione

  1. Legate la carne
  2. Insaporite la carne con gli aromi
  3. Scaldate una padella con l'olio
  4. Girate la carne ogni minuto
  5. Sfumate la carne con il vino
  6. Preparate le patate in una teglia
  7. Cuocete in forno 35 minuti

Per prima cosa procedere con la legatura della carne. Adagiate la carne in senso orizzontale e passate sotto il filo per poi congiungere le due estremità facendo un doppio nodo sul lato esterno. Ora passate il filo per due volte intorno alla vostra mano, così da creare una specie di apertura in cui farete passare la carne all'interno.
Fate questi incroci finché non avrete ingabbiato completamente la carne di vitello ma ricordate di lasciare circa un centimetro di spazio tra un nodo e l'altro. Ora rigirate la carne sotto sopra e fate l'ultimo nodo, sul lato opposto rispetto al primo nodo che avevate fatto inizialmente.

Mettete sale e pepe sul tagliere, un rametto di rosmarino all'interno della gabbia della carne e lasciate che questi aromi abbiano il tempo per insaporire il piatto. Giunti a questo punto, prendete una padella e fate scaldare un po' di olio dove poi adagerete la vostra carne ormai condita.
Ogni minuto, la carne va girata su di un lato diverso finché non si colora e diventa più compatta. Attenzione a rosolare bene la carne! Aggiungete del vino bianco che farete sfumare completamente e poi mettete la carne nella teglia dove avrete precedentemente adagiato le patate tagliate e condite, pronte per essere infornate.
Lasciate cuocere tutto sui 200° per circa 35 minuti. Il metodo migliore per garantire una perfetta cottura della vostra carne sarebbe quello di utilizzare un termometro apposito ma, se ne siete sprovvisti, potete regolarvi in base a queste tempistiche che abbiamo indicato. Quindi… pronti per sfornare?

Consigli e curiosità

Altri tagli di carne indicati per preparare un arrosto di vitello, oltre alla sottofesa, sono: la spalla (o girello), la noce, o lo scamone (vicino alla coscia). Potete optare anche per altri tipi di carne bianca, come quella di maiale, ma dovrete preferire il taglio della lonza perché così rimarrà più morbido e decisamente succulento.
Per cucinare l'arrosto come solo gli chef stellati sanno fare, bisogna prestare molta attenzione a maneggiare gli strumenti del mestiere: non bucate la carne per girarla o spostarla, ne uscirebbero i succhi e il vostro arrosto risulterà duro e stopposo.

Se ti è piaciuta questa ricetta, scopri altri classici domenicali come il coniglio alla cacciatora e le polpette al sugo.