La grigliata di pesce perfetta

Grigliata di pesce

La grigliata di pesce è un secondo piatto perfetto per una cena estiva in compagnia di amici o familiari: la sua leggerezza e il sapore intenso la rendono uno dei piatti preferiti da grandi e piccini. Generalmente è realizzata con diversi tipi di pesce che vengono prima puliti, poi marinati ed infine cotti sulla brace. Vediamo insieme quali sono i fattori che contribuiscono maggiormente alla buona riuscita di questo piatto.

La grigliata di pesce perfetta

La grigliata mista di mare è un piatto salutare e altamente digeribile, la cui cottura alla brace permette di mantenere inalterati il sapore e tutte le proprietà nutritive degli alimenti. Inoltre, la semplicità e la velocità della preparazione rendono questo piatto ideale per qualsiasi ricorrenza. Nonostante ciò, non è sufficiente avere una griglia per poter preparare un buon pasto, ma per cucinare una grigliata di pesce perfetta dovrete seguire alcuni accorgimenti, quali:

  • Freschezza della materia prima: acquistare un prodotto di qualità, soprattutto quando si tratta di pesce, è una prerogativa fondamentale.
  • Attrezzatura: avere a disposizione tutti gli strumenti adatti per grigliare è un buon elemento di partenza. Inoltre, per preservare la delicatezza del prodotto ittico, è consigliabile servirsi della griglia per pesce a libro che vi permetterà di non toccare il pesce fino all’impiattamento finale. Nel caso non la possediate, potrete usare una piastra elettrica, oppure preparare una grigliata di pesce al forno. Per ottenere risultati da chef potrete servirvi dell’aiuto delle pinze per garantire una cottura su entrambi i lati e di un pennello - preferibilmente in silicone - per aromatizzarlo.
  • Tipi di pesce: se siete poco esperti di griglia e grigliate, il consiglio è quello di scegliere come pesce per grigliata il tonno, il salmone o le sarde. Questi tre prodotti, grazie all’elevato contenuto di grassi, possono essere facilmente cucinati nella griglia senza che la polpa del pesce si secchi eccessivamente.
  • Pulizia del pesce: qualora vogliate preparare una grigliata di crostacei potrete semplicemente sciacquarli sotto l’acqua corrente e grigliarli con il carapace; al contrario - se volete preparare dei pesci interi - dovrete privarli delle interiora senza danneggiare la pelle che entrerà in contatto con la griglia.
  • Marinatura: una corretta marinatura renderà sicuramente il pesce alla griglia più morbido e gustoso, conferendogli un retrogusto aromatico.
  • Cottura: dal momento che la polpa del pesce è una componente particolarmente delicata, è fondamentale che la brace non sia eccessivamente calda, onde evitare che il cibo si bruci. Inoltre, il pesce ha un tempo di cottura molto rapido anche se, naturalmente, varia a seconda delle dimensioni. Il consiglio che vi diamo è quello di restare vicini alla griglia e monitorare la cottura.
  • Salse: per poter arricchire il pesce potrete accompagnarlo a delle salse come la salsa tartara, la salsa tzatziki o la salsa verde che potrete comprare al supermercato oppure preparare a casa.

Tipi di pesce da grigliare

Per poter cucinare una grigliata di pesce perfetta è importante sapere che esistono alcuni prodotti ittici più adatti a questo tipo di cottura rispetto ad altri. Per evitare di bruciare o, peggio, compromettere il sapore del prodotto, è importante sceglierlo in base alle sue caratteristiche, dal momento che un pesce non adatto alla grigliatura tenderà a seccarsi e disfarsi. Potrete, quindi, optare per:

  • Salmone e tonno: fonti di vitamina B e acidi grassi Omega 3, i tranci di salmone alla griglia e di tonno alla griglia sono semplici da cucinare, in quanto sono alimenti la cui polpa è molto simile a quella della carne. Sarà sufficiente condirli con olio extravergine d’oliva e cuocerli per circa 4 minuti per lato. Il grasso naturale di questi prodotti conferirà morbidezza e sapore al piatto.
  • Branzino: ricco di proteine e povero di grassi, il branzino alla griglia, prima di essere grigliato, deve essere privato delle interiora, ma è fondamentale mantenere la pelle che proteggerà la polpa dal calore della brace.

Crostacei: sono numerose le varianti per preparare piatti come una deliziosa aragosta alla griglia, delle succulente capesante alla griglia o dei gustosi gamberoni alla griglia. Questi alimenti sono anche molto semplici da cuocere: basterà lavarli sotto abbondante acqua corrente e, nel caso dei gamberi, tagliare le teste lasciando però il guscio, oppure sgusciarli e lasciarli marinare una mezz’oretta prima di cuocerli sulla

Come preparare la grigliata di pesce

Naturalmente, prima di cuocere il pesce alla griglia, è necessario predisporre gli ingredienti alla cottura seguendo alcuni semplici - ma fondamentali - passaggi. Prima di sapere come preparare e come grigliare il pesce, è fondamentale distinguere tra pesce azzurro o bianco, crostacei e molluschi, in quanto questi prodotti vanno trattati in modi differenti.

Pesce azzurro o bianco: prima di cuocerlo è necessario eliminare le interiora e, con l’aiuto delle forbici da cucina, dividere il prodotto in due parti senza compromettere l’integrità della polpa. Ora sciacquate sotto abbondante acqua corrente e dedicatevi alla cottura sulla griglia.

Crostacei: prima di preparare una squisita grigliata di crostacei, è necessario capire come pulire questi alimenti. Se si tratta di gamberi o gamberoni, dovrete, prima di tutto, eliminare l’intestino dell’animale. Per fare ciò bisogna inciderne l’addome e poi, con l’aiuto di uno stuzzicadenti o di un coltellino affilato, rimuovere il cosiddetto filetto nero. Invece, per quanto riguarda astici, granchi e aragoste, le chele andranno tolte una volta cotti.

Molluschi: a differenza dei precedenti, non hanno bisogno di nessun tipo di preparazione iniziale. L’unica accortezza a cui prestare attenzione è la cottura: infatti, se lasciati cuocere per troppo tempo, questi tendono a diventare gommosi. Potrete quindi sbizzarrirvi e preparare spiedini di polpo alla griglia oppure di seppie alla griglia dei quali i più piccoli saranno entusiasti! Un’altra soluzione gustosa è costituita dalla preparazione di una grigliata di calamari da condire con una semplice emulsione di olio extravergine di oliva, prezzemolo e aglio.

Dopo esservi occupati della pulizia del pesce, potrete occuparvi della marinatura che costituisce uno dei momenti più importanti dell’intera preparazione, in quanto è questo passaggio che consentirà al vostro piatto di assumere un sapore inconfondibile e sfizioso. Per realizzare la marinatura, basterà mescolare insieme olio extravergine di oliva, succo di limone, sale, pepe, prezzemolo, rosmarino e aglio essiccato per ottenere un perfetto composto da versare sul pesce prima o dopo la cottura.

Tipi di cottura

Eccoci arrivati al momento della cottura del pesce. Per prima cosa, è bene sapere che i tempi di cottura variano a seconda della tipologia di pesce che avete scelto: ad esempio, se il trancio è molto sottile, questo impiegherà meno tempo a cuocere rispetto ad uno più spesso. Inoltre, all’aumentare della temperatura la carne del pesce diventerà, da rosata che era, sempre più bianca. Se preferite una cottura media dovrete prestare molta attenzione a non superare i 55°C (bisogna mantenere basse le temperature o evitando il contatto diretto con il fuoco sotto la griglia): in questo modo la polpa rimarrà rosata.

Per quanto riguarda crostacei e molluschi bisogna evitare di cuocerli troppo altrimenti diventeranno duri e gommosi: per questo, se non volete che la vostra grigliata di gamberoni cuocia troppo e risulti poco gustosa per i vostri ospiti, rimanete sempre nelle vicinanze della griglia e assaggiate frequentemente i cibi per testare il livello di cottura dell’alimento.

Questi sono i principali suggerimenti da seguire per preparare una grigliata di pesce perfetta per ogni occasione: seguendo questi consigli cucinerete piatti sfiziosi e lascerete amici e parenti a bocca aperta. Non resta che mettersi all’opera!