Foto ricette vegetariane: frittata di verdure

FRITTATA DI PATATE

La frittata di patate è una ricetta tradizionale per uno dei secondi tipici della tradizione contadina italiana, che può diventare tranquillamente una simpatica entrée per un aperitivo rinforzato, o collocarsi benissimo in accoppiamento ad altri piatti. Le sue versioni sono numerose, tutte all'insegna degli ingredienti principali che rimangono le uova e le patate. La scelta degli ingredienti presuppone alcune componenti basilari e poi la più completa apertura alla fantasia.

La ricetta che segue esplora in maniera approfondita la più tradizionale delle versioni di questo piatto, ricco ma povero allo stesso tempo, genuino come nella più radicata delle tradizioni ma senza rinunciare per nessun motivo al gusto.

Ingredienti per 4 persone

Preparazione

  1. Cuocete le patate per 15/20 minuti in acqua
  2. Sbattete le uova con sale, pepe, pangrattato, Parmigiano, prezzemolo, erba cipollina e patate lesse
  3. Versate il composto in una padella antiaderente e cuocete per 10/15 minuti
  4. Giratela e cuocete l'altro lato per altri 10/15 minuti.

La realizzazione della frittata di patate inizia proprio con la lavorazione iniziale di queste; le patate vanno pelate e tagliate a piccoli tocchetti. Successivamente devono essere cotte per circa 15-20 minuti in abbondante acqua salata e scolate per bene.

In un contenitore capiente mettete le uova e iniziate a sbatterle fino ad amalgamarle. Possono essere utilizzati indifferentemente una forchetta, uno sbattitore a velocità bassa o delle fruste a mano.

Bisogna poi aggiungere il sale, il pepe e il pangrattato, sempre continuando a sbattere. Vanno poi di seguito aggiunte le patate lessate e scolate, il Parmigiano, il prezzemolo, l'erba cipollina e va dosato il pepe a seconda del proprio gusto. Aggiungete un cucchiaino di sale e sbattete tutto fino a ottenere un amalgama completo degli ingredienti, perfettamente omogeneo.

Prendete una padella antiaderente dal diametro di 26 o 28 cm dotata di coperchio e versatevi l'olio extravergine di oliva. Accendete una fiamma media e attendete che l'olio si scaldi.

Successivamente, quando l'olio sarà ben caldo, versate le uova sbattute insieme a tutti gli ingredienti e distribuite con una spatola fino a colmare la padella in maniera compatta, chiudete il coperchio. Dopo circa 10-15 minuti la frittata presenterà un lato cotto.

Quando la frittata si muoverà all'interno della padella sarà pronta per essere girata. Questo è un passaggio delicato dove bisogna prestare molta attenzione a non scottarsi.

Il movimento di rotazione totale va effettuato tutto in un colpo, tenendo ben saldo il coperchio sulla padella. Una volta girata la frittata, versatela all'interno della padella e continuate la cottura della parte opposta per circa 10 o 15 minuti. Il coperchio in questa fase non va utilizzato.

La frittata, trascorso l'ulteriore tempo di cottura, sarà pronta per essere gustata sia calda, appena tolta dalla padella, che fredda a temperatura ambiente.

Una variante abbastanza gettonata prevede l'aggiunta di cipolla cotta alla ricetta base, un ingrediente che fornisce un sapore forte e incisivo. In questo caso va aggiunta agli ingredienti base descritti una cipolla di grosse dimensioni o un paio più piccole. La cipolla va rosolata in olio extravergine di oliva e aggiunta all'impasto della frittata con le patate.

Una variante ulteriore molto utilizzata prevede di versare il contenuto dell'amalgama principale direttamente sulla cipolla imbiondita in padella, ma in questo caso bisogna stare attenti a non farla bruciare sul fuoco.

La frittata di patate può essere gustata tranquillamente fredda, ma non si sposa bene alla conservazione in frigorifero; al massimo può essere conservata in ambiente protetto, ad esempio il forno, per poter essere consumata durante il pranzo successivo se preparata per la cena precedente o viceversa. Non è mai il caso di conservarla per troppo tempo.

Consigli e curiosità

Questa ricetta presuppone molta flessibilità per quello che riguarda gli aromi da poter utilizzare. Il pepe nero può tranquillamente essere sostituito dal peperoncino, così come l'erba cipollina può essere sostituita da origano o timo. In buona sostanza la ricetta si presta molto bene a qualsiasi tipologia di rivisitazione dal carattere ultra personale.

Un buon vino rosso, forte e intenso di aroma si sposa benissimo ad accompagnare la frittata, così come l'accostamento a una delicata insalata digestiva dai colori vivaci. A piccoli tocchetti può diventare protagonista di un aperitivo rinforzato, senza mai diventare eccessiva o prepotente nei sapori. La ricetta della frittata di patate è una base classica da cui poter partire per varianti a base di uova.