Gli accessori per barbecue

Accessori per barbecue: quali sono quelli più importanti?

I grandi maestri del barbecue si riconoscono non solo per la capacità di scegliere la materia prima più adatta alla grigliata che devono preparare, ma anche per gli strumenti dei quali decidono di servirsi. Provate ad immaginare di dover mettere sulla griglia incandescente alcune fette di pancetta di maiale o di dover girare - per rendere uniforme la cottura - un controfiletto senza l’aiuto delle pinze: impossibile senza incorrere in qualche infortunio che potrebbe trasformare una grigliata tra amici in un momento di forte tensione.

Organizzare la grigliata in piena sicurezza è il primo passo per ottenere un evento di successo: che si tratti di una festa in piscina, piuttosto che della grigliata di ferragosto, dovrete prima di tutto assicurarvi delle competenze e dell’abilità di chi si dedica alla griglia: quale metodo migliore se non quello di fornire tutti gli accessori barbecue necessari? Scopriamo insieme quali sono gli utensili dei quali non poter far a meno per la grigliata perfetta.

Accessori per la cottura alla griglia

Una volta accesa la carbonella e prima di cominciare a grigliare, dovrete predisporre la zona limitrofa al barbecue con tutti gli accessori dei quali avete bisogno. In un pianale preparate due piatti (preferibilmente di ceramica): sul primo potrete servire il cibo ancora caldo, mentre il secondo è adibito agli accessori barbecue.

I set barbecue disponibili in commercio possono essere molto utili e completi. Usualmente comprendono:

  • Pinza barbecue: è di fondamentale importanza avere un paio di pinze dal manico allungato per evitare scottature e ustioni. Grazie a questi oggetti è possibile girare le fette di carne, pesce o verdure anche a debita distanza dalla griglia;
  • Forchettone barbecue: come suggerisce il nome stesso, si tratta di un attrezzo da barbecue che permette di mettere la carne o le verdure sulla griglia e di girare i cibi per garantirne la cottura uniforme. Rispetto alle pinze, il forchettone è decisamente più pratico grazie al manico in legno o in materiale isolante che li rende più facilmente impugnabili.
  • Termometro barbecue: è un accessorio da barbecue per veri professionisti. Anche se comunemente il punto di cottura della carne o della verdura viene determinato dal colore piuttosto che dalla consistenza, tuttavia i grandi chef si servono del termometro da barbecue per capire quanto tempo l'alimento debba ancora rimanere sulla griglia. Per questo, a differenza degli altri termometri, quello da barbecue è dotato di una sonda che deve essere “infilzata”all’interno del cibo del quale si desidera misurare la temperatura.
  • Spatola: è un utensile utilizzato anche nella cucina indoor, ma che trova applicazioni particolarmente utili nella preparazione di cibi sul barbecue. Infatti, ci si può servire della spatola per girare le verdure, piuttosto che per far aderire il cibo alla griglia (e imprimervi le caratteristiche righine).

Come pulire gli accessori barbecue

Una volta terminata la grigliata, arriva il momento di pulire gli accessori da barbecue dei quali ci si è serviti durante la giornata.

In via preliminare è opportuno sottolineare che, usualmente, questi strumenti sono realizzati in acciaio o in materiali resistenti alle alte temperature e che sono facilmente pulibili.
Per far tornare come nuovi gli accessori da barbecue si consiglia di realizzare una prima fase di ammollo e una successiva di pulizia vera e propria.
Cominciate quindi riempiendo un catino o il lavandino della cucina con acqua calda e sapone per piatti: quando si sarà creata la schiuma, immergete gli accessori da barbecue e lasciate agire per almeno 30 minuti.
Trascorso il tempo richiesto, prendete una spugnetta per i piatti o una paglietta e dedicatevi alla pulizia di ciascun componente del set barbecue. Qualora doveste imbattervi in macchie persistenti, potrete ricorrere ad uno sgrassatore il quale, dopo essere stato spruzzato nella zona interessata, scioglierà tutto lo sporco residuo.

Ricordate di non esagerare nell’uso della paglietta da cucina, soprattutto sulla teglia da barbecue: questa spugnetta può trasformarsi rapidamente da preziosa alleata ad uno strumento con il quale sarà fin troppo facile graffiare le superfici.

Come pulire il barbecue

La pulizia della griglia da barbecue è uno dei momenti più temuti dell’intera organizzazione di una grigliata: tuttavia, con gli strumenti adatti potrà trasformarsi in una passeggiata.

Il primo passo per pulire efficacemente la griglia del barbecue prevede la rimozione dalla griglia del cibo in eccesso: per farlo potrete aiutarvi, solo quando la brace sarà spenta e il barbecue sarà completamente freddo, con la carta di un giornale vecchio. Completata questa fase, potete dedicarvi alla pulizia vera e propria: preparate quindi un composto fatto da 2 cucchiai di bicarbonato in polvere e 500 ml di acqua; quando gli ingredienti saranno ben amalgamati spruzzate sulla griglia e, dopo pochi minuti, utilizzate le apposite spazzole in acciaio inox su entrambi i lati dell’accessorio da barbecue

La pulizia della teglia in ghisa da barbecue necessita di alcune particolari accortezze: infatti, si tratta di un materiale che non ama l’acqua e che dal contatto con questo elemento potrebbe essere danneggiato. Di conseguenza non potrete utilizzare la soluzione di acqua e bicarbonato, ma dovrete ripiegare su un metodo “a secco”: è preferibile quindi dedicarsi a quest’attività quando il recipiente è ancora tiepido in maniera che tutti i residui possano essere facilmente rimossi con l’aiuto della spazzola.

Infine è opportuno sottolineare l’importanza della manutenzione non solo del barbecue ma anche di tutti i suoi accessori, delle teglie e delle griglie. Periodicamente è indispensabile detergere a fondo i bracieri (ovvero la parte del barbecue che ospita usualmente la carbonella): in questo caso potrete servirvi di un buon aspiratore, senza dover ricorrere a particolari detergenti se non un buon sapone di Marsiglia.