Foto ricette primi ALDI: Gnocchi radicchio e ricotta di Gnambox

GNOCCHI DI RADICCHIO E RICOTTA

Ricetta di GNAMBOX

Sonia Peronaci e gli GNAMBOX hanno seguito passo dopo passo tutta la filiera dei prodotti ALDI, grazie all’iniziativa Dal Campo al Carrello.

Il Radicchio Rosso di Verona e il caco “Loto di Romagna”, entrambi articoli della nostra linea Regione che Vai, sono stati protagonisti di questo racconto e delle ricette che ne sono nate: l’ispirazione e la fantasia dei blogger, infatti, hanno avuto esito in alcuni piatti semplici e davvero gustosi.
Prova queste ricette raffinate, ideali per una cena o un pranzo speciale.

Stefano e Riccardo hanno scoperto e seguito il viaggio del Radicchio rosso di Verona I.G.P., che parte da Verona, terra natia di questo ortaggio unico nel suo genere.

È proprio nei campi di Legnago, presso le sedi del fornitore di ALDI, che i nostri food blogger hanno visitato le coltivazioni di radicchio e hanno potuto raccoglierlo con le loro mani, secondo il metodo antico che prevede una raccolta attenta, per non danneggiare il prodotto.

Gli GNAMBOX si sono lasciati ispirare da questa esperienza per creare la loro gustosa ricetta: dei deliziosi e gustosi gnocchi di radicchio e ricotta.

Ingredienti per 6 persone:

  • 700 g di Radicchio rosso di Verona I.G.P. Regione che Vai ALDI
  • 200 g di patate lesse
  • 50 g di ricotta fresca
  • 50 g di Parmigiano Reggiano
  • 1 uovo
  • 1 limone
  • 60-80 g di farina 00
  • Sale e pepe q.b.

Per impiattare:

  • 2 cucchiai di pinoli sgusciati
  • 50 g di burro
  • Scaglie di Parmigiano Reggiano
  • Timo e salvia freschi
  • Pepe in grani da macinare

Preparazione

Per cucinare gli gnocchi radicchio e ricotta, comincia con la preparazione del radicchio: dopo averlo diviso a metà e sciacquato sotto abbondante acqua corrente, asciugalo con un canovaccio da cucina tamponando delicatamente. Ora riducilo in listarelle sottili della medesima dimensione, aiutandoti con un coltello dalla lama liscia.

Fai scaldare in una padella antiaderente un filo di olio extravergine di oliva e lascia cuocere per pochi minuti il radicchio: poni attenzione a tenere la fiamma bassa, poiché è necessario che la verdura si appassisca senza perdere colore o bruciarsi! A cottura ultimata aggiungi il sale - preferibilmente macinato fresco - e il succo di un limone (senza semi).

Per ottimizzare i tempi, potrai nel frattempo mettere a bollire le patate che ti serviranno successivamente per la preparazione degli gnocchi. Il tempo di cottura delle patate è di circa 30 minuti.

Tornando al radicchio, quando si sarà raffreddato e avrà raggiunto la temperatura ambiente, riponilo in un frullatore e azionalo per qualche secondo, fino a quando avrai ottenuto una crema omogenea che dovrai filtrare. Predisponi quindi un setaccio sopra a una ciotola capiente e versa il composto preparato, affinché i liquidi in eccesso - che potrebbero compromettere la riuscita della ricetta - vengano eliminati.

Dedicati adesso alla preparazione degli gnocchi: quando le patate saranno ben cotte, privale della buccia e, con l'aiuto di uno schiacciapatate o di una forchetta, riducile a una purea. Aggiungi la ricotta, il Parmigiano grattugiato, un uovo e la crema di radicchio. Mescola accuratamente il composto con l'aiuto di un mestolo - preferibilmente di legno - e aggiungi sale e pepe a piacere. Quando il sapore ti soddisferà, unisci - poco alla volta - la farina 00, fino a quando otterrai la consistenza adatta.

Adesso devi occuparti di far assumere all'impasto la forma degli gnocchi. Prima di cominciare, ricorda che più lavorerai l'impasto, più diventerà duro e gommoso: per questa ragione è fondamentale essere rapidi e decisi nei movimenti. Prendi quindi una porzione dell'impasto e, su un pianale infarinato con la semola, stendilo con i polpastrelli fino a ottenere dei piccoli cilindri di circa 2 centimetri di spessore (è importante che la dimensione sia più o meno uniforme). Ora, con l'aiuto di un coltello, taglia i filoncini a tocchetti di forma e dimensioni simili.

Adesso, prendi un tocchetto e - esercitando una leggera pressione con i polpastrelli - trascinalo lungo il riga-gnocchi. Qualora non disponessi di questo strumento in casa, potrai utilizzare una forchetta facendo scivolare il pezzo di impasto lungo i rebbi, oppure una grattugia. Una volta ottenuta la zigrinatura desiderata, riponi gli gnocchi su una teglia cosparsa di farina e coprili con un panno affinché non si secchino eccessivamente.

Se non desideri cucinare immediatamente gli gnocchi, potrai surgelarli, tenendoli da parte per le occasioni che preferisci. L'unica accortezza che dovrai attuare quando li vorrai proporre ai tuoi ospiti, consiste nel metterli a cuocere direttamente nell'acqua che bolle, senza farli prima scongelare.

Metti sul fuoco una pentola con acqua salata e, quando avrà raggiunto la temperatura di ebollizione, fai cuocere gli gnocchi per qualche minuto. Ti accorgerai che sono pronti perché verranno naturalmente a galla. Nel frattempo, in un tegame dai bordi alti, sciogli il burro e aggiungi salvia, pinoli e timo: quando sarà completamente liquido, aggiungi gli gnocchi appena scolati e falli rosolare per qualche minuto.

Servi gli gnocchi di radicchio e ricotta con una macinata di pepe fresco e qualche scaglia di Parmigiano.

Consigli e curiosità

La ricetta degli gnocchi di radicchio e ricotta, oltre a essere un piatto gustoso, contiene anche numerose proprietà benefiche per il nostro organismo: in particolare il radicchio - grazie alla presenza dell'acido cicorico - è un prezioso alleato per tutti coloro che desiderano abbassare il colesterolo o, in generale, depurarsi. Inoltre, in virtù dei sali minerali contenuti, questa insalata rossa dal retrogusto amaro è un ottimo anti-anemico e aiuta a prevenire l'insorgere di osteoporosi.

Per preparare gli gnocchi che abbiano il sapore di una volta è fondamentale ricordare alcuni piccoli trucchi che partono proprio dalla scelta della materia prima: infatti le patate più adatte a questa preparazione sono quelle a polpa asciutta e farinosa, preferibilmente con la buccia rossa. Inoltre è consigliabile cuocere le patate con la buccia e, solo successivamente, pelarle: in questo modo manterranno una consistenza più compatta senza assorbire l'acqua di cottura.
Un'altro aspetto che sarebbe un peccato sottovalutare, è costituito dalle scanalature degli gnocchi: queste non devono essere considerate un elemento accessorio dal momento che consentono al condimento di amalgamarsi meglio con gli gnocchi stessi!

Per finire, ecco una piccola curiosità sugli gnocchi: anche se sono noti per essere preparati esclusivamente a base di patate, si tratta di un falso mito: questa particolare variante è stata importata dall'America e ben presto ha rimpiazzato le ricette italiane che prevedevano l'utilizzo, ad esempio, della ricotta per l'impasto.