Ricette primi ALDI: Ravioli ricotta cachi e pecorino di Sonia Peronaci

RAVIOLI ALLA RICOTTA, CACHI E PECORINO

Ricetta di SONIA PERONACI

Sonia Peronaci e gli GNAMBOX hanno seguito passo dopo passo tutta la filiera dei prodotti ALDI, grazie all’iniziativa Dal Campo al Carrello.

Il Radicchio Rosso di Verona e il caco “Loto di Romagna”, entrambi articoli della nostra linea Regione che Vai, sono stati protagonisti di questo racconto e delle ricette che ne sono nate: l’ispirazione e la fantasia dei blogger, infatti, hanno avuto esito in alcuni piatti semplici e davvero gustosi.
Prova queste ricette raffinate, ideali per una cena o un pranzo speciale.

Se pensi che i cachi, frutto principe dell’autunno, possano essere utilizzati solo per preparazioni dolci, allora stai sottovalutando la versatilità di questo prodotto. Infatti, grazie al loro sapore dolce, si adattano anche a primi piatti che conquisteranno perfino il palato dei tuoi ospiti più esigenti, creando deliziosi contrasti: vediamo come preparare i ravioli alla ricotta, cachi e pecorino.

Ingredienti per 50 ravioli da 6 cm di diametro

Per l'impasto:

Per il ripieno:

  • 100 g di cachi maturi "Loto di Romagna" di Regione che Vai
  • 300 g di Ricotta Bonlà
  • Scorza di ½ limone
  • 80 g di pecorino grattugiato
  • Erba cipollina, timo, sale, pepe q.b.

Per il condimento:

  • 200 g di Panna fresca Bonlà 
  • 100 g di pecorino grattugiato
  • Noce moscata, olio extravergine di oliva q.b.

Per impiattare e decorare:

Preparazione

Per preparare i ravioli alla ricotta, cachi e pecorino dovrai cominciare dalla preparazione dell'impasto: unisci le uova e la farina con un goccio di acqua tiepida e comincia a impastare il composto su un piano infarinato. Se non vuoi preparare l'impasto a mano, potrai avvalerti dell'aiuto di una planetaria con il gancio a foglia. Quando avrai ottenuto una consistenza compatta e omogenea, riponi il panetto in una ciotola e, una volta coperto con la pellicola trasparente, lascia riposare in un luogo tiepido per almeno 30 minuti.

Nel frattempo prepara il ripieno dei ravioli alla ricotta, cachi e pecorino unendo in un recipiente gli ingredienti necessari, avendo cura di aggiungere anche il timo e la scorza di ½ limone grattugiato. Quando sarai soddisfatta della consistenza, trasferisci la farcitura dei ravioli in una sac à poche.

Ora prendi i cachi e, dopo averli privati della pelle e del picciolo, schiacciali con le mani (e l'aiuto di una spatola da cucina) attraverso le maglie di un setaccio, raccogliendo solamente la polpa filtrata. Ora riponila all'interno di una seconda sac à poche e lasciala momentaneamente da parte.

È arrivato il momento di dedicarti al condimento: metti la panna in un pentolino antiaderente e - dopo aver aggiunto il pecorino grattugiato e la noce moscata - fai sciogliere gli ingredienti, ponendo attenzione a non superare la temperatura di 85° C (potrai aiutarti con un termometro da cucina) ed evitando che si creino grumi continuando a mescolare il composto con una frusta da cucina. Intanto, tosta i pinoli in una padella bassa antiaderente: in questo modo sprigioneranno tutto il loro aroma inconfondibile!

Una volta trascorsi i 30 minuti di riposo dell'impasto, prendi il panetto e, con l'aiuto di un tirapasta realizza l'involucro dei ravioli di uno spessore di circa 0,5 mm. Una volta ottenuto un foglio di pasta dello spessore che desideri, stendilo su un pianale da cucina infarinato.

Disponi piccole porzioni di ripieno della prima sac à poche - quella con la ricotta - sulla pasta fresca (a distanza regolare tra loro) e, sopra ad esse, aggiungi quello della seconda - con la polpa di cachi. È giunto il momento di chiudere i ravioli: utilizza un pennello per bagnare con un sottile strato di acqua i bordi dell'impasto e sovrapponi un secondo foglio di pasta a quello che ospita il ripieno. Utilizzando poi un coppapasta di 6 cm di diametro, realizza la forma di ravioli desiderata e fai aderire i bordi esercitando una leggera pressione con i polpastrelli.

A questo punto puoi decidere se surgelare i ravioli o cucinarli immediatamente: in questo secondo caso, porta a ebollizione una pentola d'acqua con un pugno di sale grosso e fai cuocere i ravioli per 4 minuti circa. Intanto prepara una padella con un filo di olio extravergine di oliva e timo: a cottura ultimata, dopo aver scolato i ravioli, versali immediatamente e delicatamente nella padella stessa affinché acquistino il profumo degli aromi.

Per impiattare i ravioli ricotta, cachi e pecorino potrai disporre - sul fondo di un piatto piano - una fonduta di formaggio e adagiarvi sopra la preparazione; decora il tutto con pinoli tostati e qualche goccia di polpa di cachi sul bordo.